Bettini

Bibliografia dell’anarchismo : periodici e numeri unici anarchici in lingua italiana, 1872-1971

Home > Periodici per anno > Ganellone

Bettini-0733

Ganellone

  • Luogo di pubblicazione: [Marsiglia]. Reca l’indicazione apocrifa: « Milano, Tip. del Popolo d’Italia» (!!).
  • Durata: 1 dic. [1925].
  • Periodicità: Numero unico.
  • Direttore: [Paolo Schicchi].
  • Formato: cm. 29,8 × 45.
  • Pagine: 2.
  • Colonne: 4.
  • Prezzo: 10 Centesimi.
  • Note tipogr.: È illustrato con tre vignette del caricaturista francese « S. Tick » (Raoul Garcin).

Lanciato, alla macchia, da P. Schicchi, contiene come il precedente (La Iena) una serie di violenti attacchi al Regime ed alle istituzione fasciste e, più particolarmente, allo stesso Mussolini, definito appunto, Ganellone, ossia « Il Traditore » (Ganelon è personaggio della Chanson de Roland, passato a indicare poi, per antonomasia, la figura del traditore). Vd., in particolare, gli art. Traditore e funambolo e La conquista del mondo. Tutti gli scritti recano la firma di personalità fasciste, più o meno note, quali lo scrittore Sem Benelli; «Libero Tancredi» [i.e. Massimo Rocca]; il deputato palermitano Alfredo Cucco, etc. Il foglio, infine — più per scherno, indubbiamente, che per reale intenzione di sviare le indagini — si dichiarava uscito dai torchi della tipografia milanese, presso cui si stampava l’organo del P.N.F., Il Popolo d’Italia. La trovata, tuttavia, risultava sufficiente per mettere in allarme le autorità fasciste del capoluogo lombardo che, sollecitate dalla stessa Casa di S.A. Reale il Principe di Piemonte, dovettero procedere nelle indagini, « per tentare di rintracciare l’origine di questa volgarissima pubblicazione »; anche se, ad un’analisi poco più che sommaria del suo contenuto, apparve subito chiaro « che fosse farina di individui appartenenti ad altre regioni e che potesse essere stato stampato in Francia ad opera di fuorusciti ». « I tipi infatti — scriveva il Prefetto di Milano al Ministro dell’Interno, in un rapporto steso in data 21 genn. 1926 — non sono quelli della stampa clandestina locale; esistono invece parecchi errori ortografici nel testo italiano, mentre sono completamente corretti i brani riportati nell’ultima colonna di 2a pagina; il titolo del libello « Ganellone » è personaggio dei Paladini di Francia; strofe popolari completamente ignorate in questa regione e diffusissime invece in Sicilia; firme, naturalmente, apocrife ed indirizzi di piccola posta di siciliani qui sconosciuti, quali il Segretario Politico e Deputato al Parlamento di Palermo, Dott. Cucco e l’Avvocato Albanesi di Catania; il soggetto di un articolo intitolato « Il consenso e l’orchestra di Polizzi », comunello del palermitano e che a Milano nessuno sa che esiste » (ACSR, Ministero dell’Interno. Direzione Generale di P.S. Casellario Politico Centrale, b. 4693: Schicchi Paolo).


Anziani luoghi di consultazione (1971) / bibliografia:

I.I.S.G.
BA: Fondo Fabbri, n. 221.


Complementi

 Collegamenti agli archivi
Servizio bibliotecario nazionale:  http://id.sbn.it/bid/TO01528501
Biblioteca Franco Serantini:  http://bfsopac.org/cgi-bin/koha/opac-detail.pl?biblionumber=34487

Anche: questo titolo sulla RebAl (Rete della Biblioteche Anarchiche e Libertarie)

Altri 
  • Anarlivres : site bibliographique des ouvrages anarchistes ou sur l'anarchisme en français
  • Cgécaf : Catalogue général des éditions et collections anarchistes francophones