Bettini

Bibliografia dell’anarchismo : periodici e numeri unici anarchici in lingua italiana, 1872-1971

Home > Periodici per anno > All’armi

Bettini-0863

All’armi

per il riscatto degli ostaggi

  • Sottotitolo: Per il Riscatto degli Ostaggi.
  • Luogo di pubblicazione: Schenectady, N. Y.
  • Durata: ott. 1930.
  • Periodicità: Numero unico.
  • Formato: cm. 20 × 28.
  • Pagine: 4.
  • Colonne: 3.

Il 20 sett. 1930, nel dare notizia dell’arresto di Paolo Schicchi a Palermo — dove il vecchio militante era sbarcato clandestinamente, nel tentativo di provocarvi un moto insurrezionale — L’Adunata dei Refrattari non aveva fatto mistero della propria disapprovazione per l’iniziativa, tutta personale, dell’anarchico siciliano, da cui si dissociava politicamente e moralmente; ma lasciava altresì intendere che non avrebbe provveduto in alcun modo alla sua difesa.

Contro tale atteggiamento, insorgeva prontamente il gruppo di Schenectady, diffondendo appunto questo n.u., per « protestare con tutti i mezzi a nostra disposizione contro simili aberrazioni di menti e di uomini » e sollecitare, in proposito, una presa di posizione da parte del movimento. « È la prima volta — scrivevano i compilatori, in un appello Agli Anarchici Tutti! — nella storia del movimento anarchico (e crediamo di altri movimenti più conservativi) che un organo di partito lanci tanto fiele, coperto da un fitto velo d’ipocrisia, e pugnali alla schiena, o si beffi della disgrazia dei compagni caduti ostaggio del nemico; e ciò per giustificare la loro inazione e apparire al pubblico dei lettori come più seri e più fattivi … Compagni, anarchici tutti, riflettiamo. La questione è grave ».

La polemica trascese comunque, gli aspetti occasionali da cui aveva preso le mosse, allargandosi fino al investire tutta la linea programmatica dell’organo anarchico newyorkese e colpendo anche, con accuse circostanziate, l’operato sia pubblico che privato del suo corpo redazionale. Con apposito manifesto (Provvediamo!), pubblicato in seconda p., veniva chiesto, anzi, l’allontanamento (perchè « moralmente indegni ») dei redattori dell’Adunata. « Molti compagni — vi si legge — ci scrivono esortandoci a desistere da questa nostra protesta e del modo come la facciamo,per non dare agio ad alcuni elementi di prendersi la rivincita. Noi non temiamo nessuno. La giustezza della nostra protesta ci lascia la coscienza tranquilla … Non è colpa nostra se altri vorranno prendere il sopravvento contro quel gruppo. Se vogliamo salvare l’onore del movimento è necessario che il presente gruppo editoriale vada via. Non c’è altra via di mezzo. Per l’onore dell’anarchia! ».


Anziani luoghi di consultazione (1971) / bibliografia:

I.I.S.G.
ACSR: Ministero dell’Interno. Direzione generale P.S. Divisione affari generali e riservati (1903-49), cat. F. 4, b. 5.


Complementi

Nessun complemento.

Anche: questo titolo sulla RebAl (Rete della Biblioteche Anarchiche e Libertarie)

Altri 
  • Anarlivres : site bibliographique des ouvrages anarchistes ou sur l'anarchisme en français
  • Cgécaf : Catalogue général des éditions et collections anarchistes francophones