Bettini

Bibliografia dell’anarchismo : periodici e numeri unici anarchici in lingua italiana, 1872-1971

Home > Periodici per anno > Tribuna libera = La Tribune libre

Bettini-0696

La Tribuna libera = La Tribune libre

organo internazionale per l’emancipazione del proletariato

  • Sottotitolo: Organo internazionale per l’emancipazione del proletariato.
  • Luogo di pubblicazione: Alessandria.
  • Durata: [19 ? ott. 1901 (a. I, n. 1)] — 26 ott. 1901 (a. I, n. 2).
  • Periodicità: « Esce il Sabato ».
  • Formato: cm. 34 × 48,5.
  • Pagine: 2 + 2.
  • Colonne: 4.
  • Prezzo: « Cinque Millesimi il numero ».

Settimanale bilingue, fondato e diretto, rispettivamente per la parte italiana e quella francese, da Pietro Vasai e dal libanese Joseph Rosenthal. L’iniziativa editoriale non ebbe comunque successo ed il foglio, osteggiato per di più, dagli anarchici individualisti del Cairo, dovette cessare le pubblicazioni dopo un’effimera esistenza. Cf. R. D’Angiò, 4 anni in Egitto, in «Il Libertario» (La Spezia), a. III, n. 99, del 22 giu. 1905.

Nella sezione italiana del secondo n. — il solo rintracciato — compaiono: la seconda parte di uno scritto in più puntate su Comunismo e Anarchia; un brano di L. Tolstoi (Ricchi e Poveri); un inserto in polemica con gli organi anarchici L’Agitazione di Roma e Les Temps Nouveaux di Parigi, a proposito del concetto di organizzazione (Risposta a una Risposta); oltre l’editoriale Lotta e reazione ad alcune considerazioni generali sul tema dello sciopero, la cui funzione era ritenuta dall’anonimo articolista, quantomeno inutile, sia che l’astensione dal lavoro venisse intesa come strumento di lotta rivoluzionaria sia, più semplicemente, come mezzo per il conseguimento di temporanei benefici economici per i lavoratori. « Noi non dividiamo l’idea dello sciopero parziale, come pure non abbiamo alcuna fiducia nello sciopero generale — vi si legge, infatti — … Collo sciopero parziale, l’operaio anche se vittorioso, economicamente parlando, non raggiunge uno stato di miglioramento. Se una più equa retribuzione è riuscito ad ottenere, la vita gli è resa più dispendiosa; il Capitale, in compenso a quanto ha dovuto cedergli da un lato, si ricatta dall’altro prelevando sopra un maggiore interesse del prodotto. Non vi sarebbe che lo sciopero generale che potesse mettere la massa operaia nella condizione di conquistare i propri diritti. Ma non comprendiamo che si possa riuscire col solo fatto della sospensione del lavoro, collo sciopero generale a mezzo di incrociamento di braccia, mezzo pacifico, ma poco resistente» (Dello sciopero).

Alla cronaca locale e, più particolarmente, ai problemi sindacali e del lavoro dei dipendenti delle imprese alessandrine, era infine dedicata la rubr. Cose locali.


Anziani luoghi di consultazione (1971) / bibliografia:

I.I.S.G. (Possiede il solo n. 2).


Complementi

 Collegamenti agli archivi
Servizio bibliotecario nazionale:  http://id.sbn.it/bid/LO10787413

Anche: questo titolo sulla RebAl (Rete della Biblioteche Anarchiche e Libertarie)

Altri 
  • Anarlivres : site bibliographique des ouvrages anarchistes ou sur l'anarchisme en français
  • Cgécaf : Catalogue général des éditions et collections anarchistes francophones