Bettini

Bibliografia dell’anarchismo : periodici e numeri unici anarchici in lingua italiana, 1872-1971

Home > Periodici > Rivolta

Bettini-0300

La Rivolta

periodico socialista-anarchico

  • Sottotitolo: Periodico socialista-anarchico.
  • Luogo di pubblicazione: Catania.
  • Tipografia: Catania, Tip. del Popolo.
  • Durata: 1 mag. 1908 (a. I, n. 1) — 28 mag. 1908 (a. I, n. 3).
  • Periodicità: Varia.
  • Gerente: Antonino Tedeschi.
  • Formato:
    • cm. 34 × 49,3.
    • Dal 12 mag. 1908 (a. I, n. 2): cm. 32 × 44,5.
  • Pagine: 4.
  • Colonne: 4.

Organo del gruppo omonimo, La Rivolta si proponeva di fare “opera modesta, ma sincera e costante nel campo operaio, tenendo vive con ogni mezzo le agitazioni proletarie, così frequenti in quest’epoca di rincrudimento reazionario, per aprire la via alla rivoluzione sociale, agevolando con ogni mezzo l’educazione razionale dell’infanzia, combattendo ogni religione, ossia la esistenza di Dio sotto qualsiasi forma, combattendo l’autorità, ossia il governo, nelle sue molteplici e svariate forme” (Il nostro programma, a. I, n. 1).

Presenti ed attivi nelle agitazioni sindacali (in quel momento sostengono le rivendicazioni dei ferrovieri della “Circum Etnea”), gli anarchici de La Rivolta si battono anche contro il riformismo dominante nella locale Camera del Lavoro. Pur ammettendo, infatti che il sindacato, di per sè, “non è rivoluzionario, perchè non è l’associazione di comuni ideali, bensì di comuni interessi individuali”, sostengono tuttavia, che esso contiene un potenziale spirito di rivolta, “che può svilupparsi e diventare spirito rivoluzionario se educato da dottrine rivoluzionarie, sbocciate dalla interpretazione esatta delle cause che pesarono (?) l’antagonismo di interessi tra borghesia e proletariato” (L.C., Sindacalismo e Anarchismo, a. I, n. 3, del 28 mag.).

Ampio spazio è dedicato poi agli scritti di contenuto anticlericale e alla propaganda per l’emancipazione femminile, in quanto — vi è sostenuto — “la donna schiava non potrà dare alla società che figli schiavi e delinquenti” (cf. Nè padrona, nè schiava, ma uguale, a. I, n. 2, del 12 mag.).

Col terzo numero, il giornale sospende le pubblicazioni, probabilmente per motivi finanziari. Cf. l’appello Ai compagni (a. 1, n. 2, del 12 mag.), in cui già si lamentano difficoltà economiche di gestione, causa “il deficit che grava sul nostro giornale”.


Anziani luoghi di consultazione (1971) / bibliografia:

FN: GF. C. 84. 67.


Complementi

 Collegamenti agli archivi
Servizio bibliotecario nazionale:  http://id.sbn.it/bid/CFI0376087

Anche: questo titolo sulla RebAl (Rete della Biblioteche Anarchiche e Libertarie)

Altri 
  • Anarlivres : site bibliographique des ouvrages anarchistes ou sur l'anarchisme en français
  • Cgécaf : Catalogue général des éditions et collections anarchistes francophones